6 Luglio 2022

Berlinale & Cinema

La fanpage in italiano sul festival internazionale del cinema di Berlino

70a Berlinale, tutti i film, dal Concorso agli special

70 berlinale

70 berlinale

 

 

 

Film in Concorso

  • Berlin Alexanderplatz, regia di Burhan Qurbani (Germania, Paesi Bassi)
  • DAU. Nataša, regia di Il’ja Chržanovskij e Jekaterina Oertel (Germania, Ucraina, Regno Unito, Russia)
  • Domangchin yeoja, regia di Hong Sang-soo (Corea del Sud)
  • Imprevisti digitali (Effacer l’historique), regia di Benoît Delépine e Gustave Kervern (Francia, Belgio)
  • El prófugo, regia di Natalia Meta (Argentina, Messico)
  • Favolacce, regia di Damiano e Fabio D’Innocenzo (Italia, Svizzera)
  • First Cow, regia di Kelly Reichardt (Stati Uniti d’America)
  • Irradiés, regia di Rithy Panh (Francia, Cambogia)
  • Le sel des larmes, regia di Philippe Garrel (Francia, Svizzera)
  • Mai raramente a volte sempre (Never Rarely Sometimes Always), regia di Eliza Hittman (Stati Uniti d’America)
  • Rìzi, regia di Tsai Ming-liang (Taiwan)
  • The Roads Not Taken, regia di Sally Potter (Regno Unito, Stati Uniti d’America)
  • Schwesterlein, regia di Stéphanie Chuat e Véronique Reymond (Svizzera)
  • Sheytān vojud nadārad, regia di Mohammad Rasoulof (Germania, Repubblica Ceca, Iran)
  • Siberia, regia di Abel Ferrara (Italia, Germania, Messico)
  • Todos os mortos, regia di Caetano Gotardo e Marco Dutra (Brasile, Francia)
  • Undine – Un amore per sempre (Undine), regia di Christian Petzold (Germania, Francia)
  • Volevo nascondermi, regia di Giorgio Diritti (Italia)

Berlinale Special

  • The American Sector, regia di Courtney Stephens e Pacho Velez (Stati Uniti d’America)
  • Curveball, regia di Johannes Naber (Germania)
  • DAU. Degeneratsia, regia di Il’ja Chržanovskij e Il’ja Permjakov (Germania, Ucraina, Regno Unito, Russia)
  • Le folli notti del dottor Jerryll (The Nutty Professor), regia di Jerry Lewis (Stati Uniti d’America, 1963)
  • Golda Maria, regia di Patrick e Hugo Sobelman (Francia)
  • High Ground, regia di Stephen Maxwell Johnson (Australia)
  • Hillary, regia di Nanette Burstein – miniserie televisiva, 4 episodi (Stati Uniti d’America)
  • Last and First Men, regia di Jóhann Jóhannsson (Islanda)
  • Minamata, regia di Andrew Levitas (Regno Unito, Stati Uniti d’America)
  • My Salinger Year, regia di Philippe Falardeau (Canada, Irlanda) – film d’apertura
  • Nomery, regia di Oleh Sencov (Ucraina, Polonia, Repubblica Ceca, Francia)
  • Onward – Oltre la magia (Onward), regia di Dan Scanlon (Stati Uniti d’America)
  • Paris Calligramme, regia di Ulrike Ottinger (Germania, Francia)
  • Lezioni di persiano (Persian Lessons), regia di Vadim Perelman (Russia, Germania, Bielorussia)
  • Pinocchio, regia di Matteo Garrone (Italia, Francia)
  • Police, regia di Anne Fontaine (Francia)
  • Sanyang-ui sigan, regia di Yoon Sung-hyun (Corea del Sud)
  • Šarlatán, regia di Agnieszka Holland (Repubblica Ceca, Irlanda, Polonia, Slovacchia)
  • Speer Goes to Hollywood, regia di Vanessa Lapa (Israele)
  • Yīzhí yóu dào hǎishuǐ biàn lán, regia di Jia Zhangke (Cina)

Berlinale Series

  • C’est comme ça que je t’aime – episodi 1×01-1×02, regia di Jean-François Rivard (Canada)
  • Messaggi da Elsewhere (Dispatches from Elsewhere) – episodi 1×01-1×02, regia di Jason Segel e Wendey Stanzler (Stati Uniti d’America)
  • The Eddy – episodi 1×01-1×02, regia di Damien Chazelle (Francia)
  • Freud – episodi 1×01-1×02-1×03, regia di Marvin Kren (Austria, Germania, Repubblica Ceca)
  • Mystery Road – episodi 2×01-2×02, regia di Warwick Thornton e Wayne Blair (Australia)
  • Sex, regia di Amalie Næsby Fick (Austria, Germania)
  • Stateless – episodi 1×01-1×02, regia di Emma Freeman (Australia)
  • Trigonometry – episodi 1×01-1×02-1×03-1×04-1×05, regia di Athina Rachel Tsangari (Regno Unito)

Encounters

  • Los conductos, regia di Camilo Restrepo (Francia, Colombia, Brasile)
  • Funny Face, regia di Tim Sutton (Stati Uniti d’America)
  • Gunda, regia di Victor Kossakovsky (Norvegia, Stati Uniti d’America)
  • Isabella, regia di Matías Piñeiro (Argentina, Francia)
  • Laila aur satt geet, regia di Pushpendra Singh (India)
  • Die letzte Stadt, regia di Heinz Emigholz (Germania)
  • Malmkrog, regia di Cristi Puiu (Romania, Serbia, Svizzera, Svezia, Bosnia ed Erzegovina, Macedonia del Nord) – film d’apertura[6]
  • A metamorfose dos pássaros, regia di Catarina Vasconcelos (Portogallo)
  • Nackte Tiere, regia di Melanie Waelde (Germania)
  • Orphea, regia di Alexander Kluge e Khavn (Germania)
  • Shirley, regia di Josephine Decker (Stati Uniti d’America)
  • Služobníci, regia di Ivan Ostrochovský (Slovacchia, Romania, Repubblica Ceca, Irlanda)
  • The Trouble with Being Born, regia di Sandra Wollner (Austria, Germania)
  • The Works and Days (of Tayoko Shiojiri in the Shiotani Basin), regia di C.W. Winter e Anders Edström (Stati Uniti d’America, Svezia, Giappone, Hong Kong, Cina, Regno Unito)
  • Zabij to i wyjedz z tego miasta, regia di Mariusz Wilczyński (Polonia)

Cortometraggi

  • 2008, regia di Blake Williams (Canada)
  • À l’entrée de la nuit, regia di Anton Bialas (Francia)
  • Aletsch Negative, regia di Laurence Bonvin (Svizzera)
  • Atkūrimas, regia di Laurynas Bareiša (Lituania)
  • Cause of Death, regia di Jyoti Mistry (Sudafrica, Austria)
  • Celle qui porte la pluie, regia di Marianne Métivier (Canada)
  • A Demonstration, regia di Sasha Litvintseva e Beny Wagner (Germania, Paesi Bassi, Regno Unito)
  • Écume, regia di Omar Elhamy (Canada)
  • Filipiñana, regia di Rafael Manuel (Filippine, Regno Unito)
  • Genius Loci, regia di Adrien Mérigeau (Francia)
  • Girl and Body, regia di Charlotte Mars (Australia)
  • Gumnaam Din, regia di Ekta Mittal (India)
  • HaMa’azin, regia di Omer Sterenberg (Israele)
  • How to Disappear, regia di Robin Klengel, Leonhard Müllner e Michael Stumpf (Austria)
  • Huntsville Station, regia di Chris Filippone e Jamie Meltzer (Stati Uniti d’America)
  • Inflorescence, regia di Nicolaas Schmidt (Germania)
  • It Wasn’t the Right Mountain, Mohammad, regia di Mili Pecherer (Francia)
  • Moj galaktičeskij dvojnik Galakton, regia di Sasha Svirsky (Russia)
  • Playback. Ensayo de una despedida, regia di Agustina Comedi (Argentina)
  • So We Live, regia di Rand Abou Fakher (Belgio)
  • Stump the Guesser, regia di Guy Maddin e Evan Johnson e Galen Johnson (Canada)
  • T, regia di Keisha Rae Witherspoon (Stati Uniti d’America)
  • Union County, regia di Adam Meeks (Stati Uniti d’America)

Fuori concorso

  • Veitstanz/Feixtanz, regia di Gabriele Stötzer (Germania Est, 1988)

Panorama

  • A l’abordage, regia di Guillaume Brac (Francia)
  • The Assistant, regia di Kitty Green (Stati Uniti d’America)
  • Bloody Nose, Empty Pockets, regia di Bill Ross IV e Turner Ross (Stati Uniti d’America)
  • Cidade Pássaro, regia di Matias Mariani (Brasile, Francia)
  • Un crimen común, regia di Francisco Márquez (Argentina, Brasile, Svizzera)
  • Digger, regia di Georgis Grīgorakīs (Grecia)
  • Eeb Allay Ooo!, regia di Prateek Vats (India)
  • Exil, regia di Visar Morina (Germania, Belgio, Kosovo)
  • Futur Drei, regia di Faraz Shariat (Germania)
  • Håp, regia di Maria Sødahl (Norvegia, Svezia)
  • Jetzt oder morgen, regia di Lisa Weber (Austria)
  • Kød og blod, regia di Jeanette Nordahl (Danimarca)
  • Mare, regia di Andrea Štaka (Svizzera, Croazia)
  • Las mil y una, regia di Clarisa Navas (Argentina, Germania)
  • Minyan, regia di Eric Steel (Stati Uniti d’America)
  • Mogul Mowgli, regia di Bassam Tariq (Regno Unito)
  • One of This Days, regia di Bastian Günther (Germania, Stati Uniti d’America)
  • Otac, regia di Srdan Golubović (Serbia, Francia, Germania, Croazia, Slovenia, Bosnia ed Erzegovina)
  • Pari, regia di Siamak Etemadi (Grecia, Francia, Paesi Bassi, Bulgaria)
  • Schwarze Milch, regia di Uisenma Borchu (Germania, Mongolia)
  • Semina il vento, regia di Danilo Caputo (Italia, Francia, Grecia)
  • Shūshu, regia di Ray Yeung (Hong Kong, Cina)
  • Surge, regia di Aneil Karia (Regno Unito)
  • Vento seco, regia di Daniel Nolasco (Brasile)

Panorama Dokumente

  • Always Amber, regia di Lia Hietala e Hannah Reinikainen (Svezia)
  • Aufzeichnungen aus der Unterwelt, regia di Tizza Covi e Rainer Frimmel (Austria)
  • Days of Cannibalism, regia di Teboho Edkins (Francia, Sudafrica, Paesi Bassi)
  • I Dream of Singapore, regia di Lei Yuan Bin (Singapore)
  • Jetzt oder morgen, regia di Lisa Weber (Austria)
  • Kotlovan, regia di Andrej Grjazev (Russia)
  • Nardjes A., regia di Karim Aïnouz (Algeria, Francia, Germania, Brasile, Qatar)
  • Petite fille, regia di Sébastien Lifshitz (Francia)
  • O reflexo do lago, regia di Fernando Segtowick (Brasile)
  • Saudi Runaway, regia di Susanne Regina Meures (Svizzera)
  • Schlingensief – In das Schweigen hineinschreien, regia di Bettina Böhler (Germania)
  • Si c’était de l’amour, regia di Patric Chiha (Francia)
  • Welcome to Chechnya, regia di David France (Stati Uniti d’America)

Forum

  • Anne at 13,000 ft, regia di Kazik Radwanski (Canada, Stati Uniti d’America)
  • Anunciaron tormenta, regia di Javier Fernández Vázquez – documentario (Spagna)
  • Gli appunti di Anna Azzori / Uno specchio che viaggia nel tempo, regia di Constanze Ruhm (Austria, Germania, Francia)
  • La casa dell’amore, regia di Luca Ferri – documentario (Italia)
  • Chico ventana también quisiera tener un submarino, regia di Alex Piperno (Uruguay, Argentina, Brasile, Paesi Bassi, Filippine)
  • Entre perro y lobo, regia di Irene Gutiérrez (Cuba, Spagna)
  • Eyemofa, regia di Arie Esiri e Chuko Esiri (Nigeria, Stati Uniti d’America)
  • FREM, regia di Viera Čákanyová – documentario (Repubblica Ceca, Slovacchia)
  • Generations, regia di Lynne Siefert – documentario (Stati Uniti d’America)
  • Gorod usnul, regia di Maria Ignatenko (Russia)
  • Grève ou crève, regia di Jonathan Rescigno – documentario (Francia)
  • Ieşirea trenurilor din gară, regia di Radu Jude e Adrian Cioflâncă – documentario (Romania)
  • Kama fissamaa’ kathalika ala al-ard, regia di Sarah Francis (Libano)
  • Kunst kommt aus dem Schnabel wie er gewachsen ist, regia di Sabine Herpich – documentario (Germania)
  • Lúa vermella, regia di Lois Patiño (Spagna)
  • Luz nos trópicos, regia di Paula Gaitán (Brasile)
  • Maggie’s Farm, regia di James Benning – documentario (Stati Uniti d’America)
  • Medium, regia di Edgardo Cozarinsky – documentario (Argentina)
  • Namo, regia di Nader Saeivar (Iran)
  • Oeconomia, regia di Carmen Losmann – documentario (Germania)
  • Ouvertures, regia di The Living and the Dead Ensemble – documentario (Regno Unito, Francia)
  • Petit Samedi, regia di Paloma Sermon-Daï (Belgio)
  • Píngjìng, regia di Song Fang (Cina)
  • Responsabilidad empresarial, regia di Jonathan Perel – documentario (Argentina)
  • Seishin 0, regia di Kazuhiro Soda – documentario (Giappone, Stati Uniti d’America)
  • El tango del viudo y su espejo deformante, regia di Raúl Ruiz e Valeria Sarmiento (Cile)
  • Tipografic majuscul, regia di Radu Jude (Romania)
  • Traverser, regia di Joël Richmond Mathieu Akafou – documentario (Francia, Burkina Faso, Belgio)
  • The Twentieth Century, regia di Matthew Rankin (Canada)
  • The Two Sights, regia di Joshua Bonnetta (Canada, Regno Unito)
  • Victoria, regia di Sofie Benoot, Liesbeth De Ceulaer e Isabelle Tollenaere – documentario (Belgio)
  • The Viewing Booth, regia di Ra’anan Alexandrowicz – documentario (Israele, Stati Uniti d’America)
  • Vil, má, regia di Gustavo Vinagre – documentario (Brasile)
  • Was bleibt – Šta ostaje – What remains / Re-visited, regia di Clarissa Thieme – documentario (Germania, Austria, Bosnia ed Erzegovina)
  • Zeus Machine: L’invincibile, regia di David Zamagni e Nadia Ranocchi (Italia)

50° Anniversario

  • Ricostruzione di un delitto (Anaparastasī), regia di Theo Angelopoulos (Grecia, 1970)
  • Angela Davis: Ritratto di una rivoluzionaria (Angela Davis: Portrait of a Revolutionary), regia di Yolande DuLuart – documentario (Stati Uniti d’America, Francia, 1971)
  • L’assassino di Fred Hampton (The Murder of Fred Hampton), regia di Howard Alk – documentario (Stati Uniti d’America, 1970)
  • La cerimonia (Gishiki), regia di Nagisa Ōshima (Giappone, 1971)
  • Chicago 70, regia di Kerry Feltham – documentario (Canada, 1970)
  • El cuarto poder, regia di Helena Lumbreras e Mariano Lisa – documentario (Spagna, 1971)
  • Eldridge Cleaver, Black Panther, regia di William Klein – documentario (Algeria, Francia, 1971)
  • El Ghorba, regia di Annie Tresgot – documentario (Algeria, 1971)
  • Der große Verhau, regia di Alexander Kluge (Germania Ovest, 1971)
  • Mare’s Tail, regia di David Larcher (Regno Unito, 1969)
  • Mes voisins, regia di Med Hondo – cortometraggio documentario (Francia, 1971)
  • Monangambé, regia di Sarah Maldoror – cortometraggio (Algeria, 1969)
  • Non è l’omosessuale ad essere perverso, ma la situazione in cui vive (Nicht der Homosexuelle ist pervers, sondern die Situation, in der er lebt), regia di Rosa von Praunheim (Germania Ovest, 1971)
  • Gli occhi non vogliono in ogni tempo chiudersi (Les yeux ne veulent pas en tout temps se fermer, ou Peut-être qu’un jour Rome se permettra de choisir à son tour (Othon)), regia di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet (Germania Ovest, Italia, 1970)
  • On vous parle de Paris: Maspero. Les mots ont un sens, regia di Chris Marker – cortometraggio documentario (Francia, 1970)
  • Ossessione, regia di Luchino Visconti (Italia, 1943)
  • Ostia, regia di Sergio Citti (Italia, 1971)
  • Phela-ndaba, regia di Antonia Caccia, Chris Curling, Simon Louvish, Nana Mahomo, Vus Make e Rakhetla Tsehlana – documentario (Sudafrica, 1970)
  • Eine Prämie für Irene, regia di Helke Sander – documentario (Germania Ovest, 1971)
  • Remparts d’argile, regia di Jean-Louis Bertuccelli (Francia, Algeria, 1970)
  • Sčast’e, regia di Aleksandr Medvedkin (Unione Sovietica, 1935)
  • Sochaux, 11 juin 1968, regia di Bruno Muel e del Groupe Medvedkine de Sochaux – cortometraggio documentario (Francia, 1970)
  • Sole O (Soleil Ô), regia di Med Hondo (Francia, Mauritania, 1967)
  • Les trois-quarts de la vie, regia del Groupe Medvedkine de Sochaux – cortometraggio documentario (Francia, 1970)
  • W.R. – Misterije organizma, regia di Dušan Makavejev (Yugoslavia, Germania Ovest, 1971)
  • The Woman’s Film, regia di Judy Smith, Louise Alaimo e Ellen Sorrin – documentario (Stati Uniti d’America, 1970)

Generation

Generation 14plus

  • Alice Júnior, regia di Gil Baroni (Brasile)
  • Black Sheep Boy, regia di James Molle (Francia)
  • Clebs, regia di Halima Ouardiri (Canada, Marocco)
  • La déesse des mouches à feu, regia di Anaïs Barbeau-Lavalette (Canada)
  • The Earth Is Blue as an Orange, regia di Iryna Tsilyk (Ucraina, Lituania)
  • The Flame, regia di Nick Waterman (Australia)
  • Goodbye Golovin, regia di Mathieu Grimard (Canada)
  • Meu nome é Bagdá, regia di Caru Alves de Souza (Brasile)
  • Något att minnas, regia di Niki Lindroth von Bahr – cortometraggio (Svezia)
  • Notre-Dame du Nil, regia di Atiq Rahimi (Francia)
  • Paradise Drifters, regia di Mees Peijnenburg (Paesi Bassi)
  • Pompei, regia di Anna Falguères e John Shank (Belgio, Francia, Canada)
  • White Riot, regia di Rubika Shah (Regno Unito)

Generation Kplus

  • Die Adern der Welt, regia di Byambasuren Davaa (Germania, Mongolia)
  • Death of Nintendo, regia di Raya Martin (Filippine, Stati Uniti d’America)
  • Un diable dans la poche, regia di Antoine Bonnet e Mathilde Loubes (Francia)
  • A Fool God, regia di Hiwot Admasu Getaneh (Francia)
  • H is for Happiness, regia di John Sheedy (Australia)
  • Los lobos, regia di Samuel Kishi Leopo (Messico)
  • Mignonnes, regia di Maïmouna Doucouré (Francia)
  • Perro, regia di Lin Sternal (Germania)
  • Sweet Thing, regia di Alexandre Rockwell (Stati Uniti d’America)

Perspektive Deutsches Kino

  • Automotive, regia di Jonas Heldt (Germania)
  • Ein Fisch, der auf dem Rücken schwimmt, regia di Eliza Petkova (Germania)
  • Garagenvolk, regia di Natalija Yefimkina (Germania)
  • Im Feuer, regia di Daphne Charizani (Germania, Grecia)
  • Kids Run, regia di Barbara Ott (Germania)
  • Out of Place, regia di Friederike Güssefeld (Germania)
  • Schlaf, regia di Michael Venus (Germania)
  • Wagenknecht, regia di Sandra Kaudelka (Germania)
  • Walchensee Forever, regia di Janna Ji Wonders (Germania)

Retrospettiva

  • Alleluja! (Hallelujah!), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1929)
  • L’altra metà (The Other Half), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1919)
  • Amore sublime (Stella Dallas), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1937)
  • Bardelys il magnifico (Bardelys the Magnificent), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1926)
  • Billy the Kid, regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1930)
  • La Bohème, regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1926)
  • Bud’s Recruit, regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1918)
  • Il campione (The Champ), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1931)
  • I cavalieri del Texas (The Texas Rangers), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1936)
  • La cittadella (The Citadel), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1938)
  • Corrispondente X (Comrade X), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1940)
  • Duello al sole (Duel in the Sun), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1946)
  • Fascino biondo (The Patsy), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1928)
  • La folla (The Crowd), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1928)
  • La fonte meravigliosa (The Fountainhead), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1949)
  • La grande parata (The Big Parade), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1925)
  • Guerra e pace (War and Peace), regia di King Vidor (Italia, Stati Uniti d’America, 1956)
  • Infedele (Cynara), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1932)
  • Japanese War Bride, regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1952)
  • Maschere di celluloide (Show People), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1928)
  • Il molto onorevole Mr. Pulham (H.M. Pulham, Esq.), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1941)
  • Nostro pane quotidiano (Our Daily Bread), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1934)
  • Notte di nozze (The Wedding Night), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1935)
  • L’odio colpisce due volte (Lightning Strikes Twice), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1951)
  • Passaggio a Nord-Ovest (Northwest Passage), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1940)
  • Peccato (Beyond the Forest), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1949)
  • La rosa del sud (So Red the Rose), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1935)
  • Ruby, fiore selvaggio (Ruby Gentry), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1952)
  • Salomone e la regina di Saba (Solomon and Sheba), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1959)
  • Scena di strada (Street Scene), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1931)
  • The Sky Pilot, regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1921)
  • L’uomo senza paura (Man Without a Star), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1955)
  • L’uomo venuto da lontano (An American Romance), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1944)
  • La vera avventura (The Real Adventure), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1922)
  • Il vino della giovinezza (Wine of Youth), regia di King Vidor (Stati Uniti d’America, 1924)

Berlinale Classics

  • Alles kaputt! (Daleká cesta), regia di Alfréd Radok (Cecoslovacchia, 1949)
  • Il bidone, regia di Federico Fellini (Italia, Francia, 1954)
  • Bushido (Bushidō zankoku monogatari), regia di Tadashi Imai (Giappone, 1963)
  • Il gabinetto delle figure di cera (Das Wachsfigurenkabinett), regia di Paul Leni (Germania, 1924)
  • Un pesce di nome Wanda (A Fish Called Wanda), regia di Charles Crichton (Regno Unito, Stati Uniti d’America, 1988)
  • L’ultima tappa (Ostatni etap), regia di Wanda Jakubowska (Polonia, 1948)

Homage

  • Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante (The Cook, the Thief, His Wife & Her Lover, regia di Peter Greenaway (Regno Unito, Francia, Paesi Bassi, 1989)
  • L’inganno perfetto (The Good Liar), regia di Bill Condon (Stati Uniti d’America, 2019)
  • The Last Station, regia di Michael Hoffman (Germania, Regno Unito, Russia, 2009)
  • The Queen – La regina (The Queen), regia di Stephen Frears (Regno Unito, Francia, Italia, 2006)
  • Quel lungo venerdì santo (The Long Good Friday), regia di John Mackenzie (Regno Unito, 1980)

On Trasmission

  • Corpo e anima (Testről és lélekről), regia di Ildikó Enyedi (Ungheria, 2017)
  • Egy nap, regia di Zsófia Szilágyi (Ungheria, 2018)
  • Cesare deve morire, regia di Paolo e Vittorio Taviani (Italia, 2012)
  • Sole, regia di Carlo Sironi (Italia, Polonia, 2019)
  • Lucida follia (Heller Wahn), regia di Margarethe von Trotta (Germania Ovest, 1983)
  • Der Architekt, regia di Ina Weisse (Germania, 2008)
  • Xiao Wu, regia di Jia Zhangke (Cina, 1998)
  • Guò zhāo guān, regia di Huo Meng (Cina, 2018)
  • 35 rhums, regia di Claire Denis (Francia, Germania, 2008)
  • Irma Vep, regia di Olivier Assayas (Francia, 1996)
  • En kärlekshistoria, regia di Roy Andersson (Svezia, 1970)
  • Tord och Tord, regia di Niki Lindroth von Bahr – cortometraggio (Svezia, 2010)
  • Simhall, regia di Niki Lindroth von Bahr – cortometraggio (Svezia, 2014)
  • Min börda, regia di Niki Lindroth von Bahr – cortometraggio (Svezia, 2017)
  • Något att minnas, regia di Niki Lindroth von Bahr – cortometraggio (Svezia, 2019)
  • I segreti di Brokeback Mountain (Brokeback Mountain), regia di Ang Lee (Stati Uniti d’America, 2005)
  • Wandāfuru raifu, regia di Hirokazu Kore’eda (Giappone, 1998)

Fonti: Wikipedia